Il conflitto tra il vero Ash ed il cattivo Ash viene interrotto da Kelly e Pablo, arrivati anche loro tardi per Amanda, ma in tempo per il loro “mentore”.
La conoscenza dettagliata del carattere del protagonista fa la differenza ovviamente prima di aver assistito alle risposte dei rivali, piene di un’ironia troppo divertente e da non perdere assolutamente. L’arrivo dei tre giovani ragazzi costringe i nostri (fatta eccezione per la povera poliziotta) a dividersi di nuovo i compiti per evitare di spargere altro sangue innocente.
Ash provvede a disfarsi dell’ultimo nemico utilizzando la fedele motosega, compagna di tante terrificanti avventure ignorando le provocazioni stavolta ad opera del Necronomicon in persona. Questa distrazione, però, è fatale perché il diavolo si impossessa di Amanda, che sfoggia una macabra simpatia durante il piccolo massacro che compie ai danni del terzetto scortato dai pupilli di Ash. La tragedia sta per consumarsi completamente e soltanto l’intervento di Ruby permette ai sopravvissuti di rifiatare un attimo. La sicurezza ostentata dalla misteriosa donna induce Kelly e Pablo a fidarsi rimanendo tuttavia sul chi vive dopo tutto quello che hanno passato.
Finalmente, quindi, Ash e Ruby hanno il tanto atteso faccia a faccia, un passato che li unisce nel dolore ed allo stesso tempo li rende diffidenti l’uno verso l’altro. Superate le ostilità fisiche, ad El Jefe viene fatta una proposta molto allettante, ma non sa se può credere a Ruby malgrado i vantaggi che otterrebbe accettando visto che si chiuderebbe un cerchio infernale senza più subire neanche un graffio. Le motivazioni fornite dalla figlia dei due archeologi (La Casa 2) non fanno una piega e alla fine Ash cede sperando di trovare una buona volta la pace.
Il rituale è l’occasione buona per capire quanto sia potente l’oggetto posseduto da Ruby e le ultime parole, prima di attendere la season finale, sono sicuramente quello che i buoni non si aspettavano assolutamente perché gettano più di un’ombra sulla veridicità delle intenzioni di Ruby.

Ash Vs Evil Dead 1x09 - Bound in Flesh

 

La resa dei conti è finalmente arrivata dopo una scia di morti che ha rispettato il vecchio standard del regista Sam Raimi e un buon bilanciamento dei toni seri e comici, vero problema, soprattutto alle battute finali, di questa prima stagione per rispettare le aspettative di un horror che non va preso del tutto sul serio.
L’ultima puntata si preannuncia a dir poco scoppiettante per tante situazioni in bilico che non mettono gli “eroi” nella condizione di poter salvare il mondo dalle forze oscure. Come al solito, solamente Ash è in grado di fermare una follia che può trasformarsi in una grandissima minaccia impossibile da gestire.
La consapevolezza di essere sempre uscito dall’inferno con la pelle un po’ scottata e qualche ferita di guerra, però, ci fa trapelare un cauto ottimismo e ci fa aumentare la curiosità su come l’ex impiegato riuscirà a prendere in mano le redini dell’infinita battaglia tra bene e male.
Giovanni Calogero