Questa quarta puntata inizia con un breve flashback di sette giorni, dove vediamo un cliente di Sofia scontento perché non ha ricevuto il suo vestito di matrimonio e la paura che per la nostra protagonista le cose non si mettano bene è dietro l’angolo.

Diventa amica di Nathan, un ragazzo gay che sta lasciando l’accademia d’arte per problemi di soldi. I due stringono amicizia tra un commento al finale di The O.C. e un invito a cena.

C’è però un problema, forse la prova del fuoco per l’attiività della Nasty Gal Vintage: una delle acquirenti su ebay sostiene di aver ricevuto il vestito macchiato.

Sofia si troverà a dover affrontare una serie di imprevisti che vanno dalle perline staccatesi in lavanderia, alla perdita dell’appuntamento con il fattorino che avrebbe dovuto consegnare il vestito alla sposa, fino a dover affrontare la sua gefirofobia per arrivare in tempo a consegnare il vestito; tutto questo per un buon feedback su Ebay.

Fermi! Non andate su Google, ve lo dico io: la Gefirofobia è la paura di attraversare i ponti o i viadotti.

La puntata, nel complesso, si dimostra scattante e divertente, sia nei dialoghi che nelle situazioni, facendoci conoscere due personaggi molto interessanti: Nathan (lo studente d’arte) e sua madre (una donna dolcissima e affetuosa) entrambi saranno di supporto e aiuto a Sofia durante la puntata e, possiamo prevedere, anche nelle prossime.
Edoardo Montanari

Punteggio Puntatona: 8.