“Continuate a ignorare Los Pepes e i loro crimini e sarete i prossimi” – è la minaccia di Pablo Escobar al governo colombiano che, tuttavia, fa orecchie da mercante chiudendo entrambi gli occhi sulle catene di macabri omicidi della banda vigilante. I cittadini locali, naturalmente, sono i primi a pagare le conseguenze di una guerra assai barbara dove conta ormai più la quantità dei morti piuttosto che la qualità.

E dato che ogni uomo o donna che abbia avuto rapporti di qualunque genere con Pablo è condannato a morire atrocemente, ecco che il candidato più illustre, capitato a fagiolo, è l’avvocato Fernando Duque (Bruno Bichir), che trascina con sé, nella disordinata fuga, un “carico” pesante.

Javier, stavolta, si sente moralmente in dovere di intervenire per evitare che Los Pepes abusino del lasciapassare della polizia, ma si rende conto di essere stato spiato a lungo anche da stretti collaboratori di rango molto elevato. La rabbia svanisce rapidamente perché, anche volendolo, non potrebbe mai fermare degli ingranaggi progettati su misura ed esenti totalmente da modifiche. Pablo Escobar deve morire e ogni di tipo di compromesso deve essere accettato anche se si tratta di vite innocenti perché i danni che egli ha procurato alla nazione hanno aperto temporaneamente la strada alla legge del taglione.

Narcos 2x07 - Deutschland 93 recensione

Il resto della famiglia del narcotrafficante più famoso al mondo è in viaggio per sistemarsi in un luogo sicuro finché le acque non si calmeranno. Le precauzioni prese per impedire ai nemici di accanirsi sulle uniche persone che ama con tutto il cuore funzionano, ma i recenti sanguinosi trascorsi stimolano una compagnia aerea ad informare i “buoni” della vera destinazione dei fuggiaschi. Una destinazione che, a causa di una macchia storica indelebile, ospita qualsiasi straniero che non sia ricercato ed abbia regolari documenti. A Steve tocca l’arduo compito di bloccare la parte per bene di Pablo per ricattarlo e costringerlo finalmente ad arrendersi. Il “cattivo”, quindi, è da solo, fatta eccezione per i soci pagati profumatamente e vive un’atmosfera triste, sconsolata e carica di una tensione che gli fa perdere i sensi. La spiacevole notizia della moglie e i figli, poi, lo fa uscire ancora più di senno attraverso un ultimatum con tempo di scadenza relativamente breve. Le pratiche burocratiche per rivalutare la decisione di tenere in pugno ostaggi così preziosi sono, come sappiamo, lunghe e non bastano per placare l’ira di Pablo, che si abbatte molto vicino al cuore dello Stato causando la scomparsa ed il ferimento di chi per motivi diversi si trovava da quelle parti.

Narcos 2x07 - Deutschland 93

Deutschland 93 è stata una puntata bella, coinvolgente con sviluppi da una parte e dall’altra e ci ha trasmesso un senso di tristezza, impotenza e piccola speranza di chiudere una pratica infinita. Pablo è alla stregua di uno spauracchio quasi impossibile da eliminare se non con gli stessi metodi che ha sempre utilizzato per farsi rispettare ed amare dalla Colombia povera. Javier e Steve ormai navigano nella melma con l’aria di chi le ha viste tutte e si è abituato a respirare controvoglia l’aria malsana a pieni polmoni. Un malessere in cui loro son dentro fino al collo per un mestiere che rimpiangono di aver scelto da quando hanno lasciato l’America. Lo scontro tra il rispetto del codice e il rifiuto delle regole civili ha visto prevalere la seconda opzione perché con la prima si è andati incontro soltanto a risultati in partenza confortanti conclusi sempre alla fine in enormi fiaschi.

E dove il buonismo non ottiene gli effetti sperati, entra in gioco l’occhio per occhio dente per dente che nessuno con un po’ di sale in zucca avrebbe voluto, ma quando un albero è diventato troppo ingombrante, la soluzione rimane quella di abbatterlo il più in fretta possibile.

Giovanni Calogero