Inizio inquietante con Drill che detta a Minx un elenco che, poco dopo, porterà ad Henry, il figlio di Claire con una proposta: se Henry svolgerà tutti i compiti, riavrà suo padre così come pregato la sera prima.
C’è da dire che, benché Henry sia più sveglio e meno manipolabile di Minx, alla fine si fa convincere e comincia questa specie di caccia al tesoro, aiutato da Minx che svia le attenzioni della nonna, per farlo allontanare in tutta libertà.

Davanti alla centrale nucleare, Claire e Wes cercano di capire il da farsi ma, un segnale di evacuazione improvviso permette a Sean e alla dottoressa di entrare senza essere notati.

E’ leggermente paradossale vedere sia la sicurezza nazionale che l’FBI seguire il percorso di Sean dentro la centrale con porte che si aprono e altre che si chiudono senza muovere un solo agente e sospettando di una talpa all’interno della struttura.
Ma tant’è.

The Whispers 1x04

The Whispers Fusione nucleare

Sean, però, contrariamente a quanto ci aspetteremmo, entra in una stanza riservata e poi cede la pistola a Maria Benavidez chiedendole di sparargli nel caso facesse qualcosa di “brutto”, e l’ingresso delle guardie mette fine alle azioni di Sean e della Benavidez che viene scambiata per la rapitrice.
Tutto questo è un passaggio narrativo piuttosto forzato, come tutto in resto della storia, d’altronde, da quì in avanti.
Teniamo duro e aspettiamo.

Henry, nel frattempo è arrivato alla centrale nucleare e si è calato in un pozzo fino a raggiungere una cisterna per l’acqua che serve a raffreddare il nocciolo. E aspetta. In piedi.

Sean è in arresto, e finalmente vediamo un faccia a faccia tra lui e Wes che viene interrotto da un blocco improvviso del sistema di emergenza e permette a Sean di scappare.

L’acqua di raffreddamento del nocciolo continua a scaldarsi nonstante tutto, e la centrale viene spenta, ma c’è ancora il rischio di una esplosione: l’unica soluzione è allagare il reattore per raffreddarlo, però, ovviamente, c’è Henry che aspetta il padre e questo non si può fare.
Intanto la città viene evaquata.

La tensione si alza quando Claire cerca di raggiungere il figlio per salvarlo, senza riuscirci mentre Minx, candidamente, dice: se tutti fanno quello che vuole Drill, ognuno ottiene ciò che vuole.

Il collega di Claire, Jessupp, è pronto a sacrificare il figlio di Claire, ma grazie a un twist emotivo cerca di farle guadagnare tempo mentre l’allagamento del reattore è sempre più imminente.

Paradossale anche Wes che, mentre guida Claire alla ricerca del bambino, le fa gli occhi dolci, ma forse è realistico così; al cuor non si comanda.

Come da manuale, Sean entra nella cisterna e chiude l’ingresso dell’acqua salvando il figlio ma, contemporaneamente, facendo sì che la centrale esploda.
Claire arriva e abbraccia entrambi e poi, Bum! Fumo radiattivo dappertutto.

Sorpresa! Il fumo viene risucchiato da Drill, o almeno così sembra.

The Whispers Fusione nucleare

The Whispers 1×04

Insomma Drill ha fatto esplodere una centrale per prendere le radiazioni, forse gli servono come carburante e con il prezzo del Brent alle stelle è comprensibile.
Furbacchione.

Ultimi colpi di scena in rapida successione: l’arresto di Sean (di nuovo), Henry che rivela a tutti di sentirci di nuovo,  Minx che dice alla mandre che Sean non è Drill.

Poi l’apoteosi verbale di Minx con due frasi: “se tutti fanno quello che vuole Drill, nessuno si fa male. E lui vince” e “i Grandi non capiscono quello che succede, anche quando credono di sì”.

Nel complesso la serie funziona e tiene incollati allo schermo anche grazie alla scelta di alternare le varie storie ritmando e rivelando i vari colpi di scena uno dopo l’altro; anche quelli che non sono proprio credibili.
Peccato tutto il subplot sentimentale che sembra scritto da un dilettante.
Punteggio Puntatona: 6.8 soprattutto per colpa di quel piacione di Wes.
Edoardo Montanari