Ed ecco a voi, in finale di stagione, un nuovo bambino di nome Nicholas. Grassottelo, preso in giro da tuttie con un padre categorico ed ex giocatore di baseball, ed una madre premurosa. Chi è? Vediamolo insieme. Anzi no perché in questa serie, come detto, la tensione si crea con il saltellare da una storia all’altra senza tregua e centellinando la informazioni, e tant’è. Torniamo quindi con due scenette famigliari di Lena e Wes che stanno monitorando la casa per controllare la figlia, e Sean e Claire che finalmente dormono insieme. Anche loro, ovviamente controllano il figlio.
Drill, nel frattempo, è alla ricerca di un nuovo amico, leggi bambino da manipolare.
Finalmente l’FBI si decide a chiedere alla società elettrica se ci sono stati sbalzi di energia et voilà: trovano i luoghi in cui è stato Drill tra i quali un ufficio con un trasmettitore spaziale che potrebbe essere utilizzato per contattare gli alieni. Il Segretario sottovaluta il pericolo, Claire gli fa notare che se vorrà, Drill troverà un modo.
All’improvviso una analogia tra un uomo che mangia solo sedano e Drill che sta per morire di fame ci ricorda che, secondo gli sceneggiatori, siamo tutti stupidi. Sentore che è stato riconfermato più volte in questa serie. Comunque, mentre Drill salva da un pestaggio il piccolo Nicholas che, così, si fida di lui, Lena e Minx decidono unilateralmente di farsi una crociera per allontanarsi dal pericolo Drill. E via che partono con le valige coordinate.
Sean ed il figlio, mentre sono in ospedale dalla dottoressa Benavidez, vengono colpiti in faccia da una massima dal sapore agreste: siamo tutti buoni finché non abbiamo qualcosa da perdere. Per la serie: siamo tutti egoisti e bastardi se ci toccano ciò che è nostro. Alé.
Vediamo a sapere chi è Nicholas: è il figlio di uno dei possessori dei codici DSN che servono ad utilizzare il sistema di comunicazione interspaziale. Così, giusto come inciso e senza nessuna ripercussione immediata.

 

Nel frattempo il dinamico duo (Claire e Wes) architettano un piano per uccidere Drill in forma energetica: staccare la corrente a tutta Washington fino a vincolare Drill in un luogo isolato senza elettricità che, in questo caso, sembra una scuola di un sobborgo di Detroit.
Mentre Sean ed il figlio sono bloccati nel traffico, Henry si accorge della presenza di Drill e, dopo una telefonata a Claire, la corrente viene sospesa in tutta la zona.
Una manovra per svincolarsi dal traffico e BUM. I due vengono investiti da un’auto. Ovviamente dopo soli cinque minuti si avvera la previsione della dottoressa Maria Benavidez: Henry è in pericolo di vitae forse Sean dovrà scegliere tra il mondo e la vita del figlio. O forse no, poco importa perché mentre Claire e Wes, che hanno intrappolato Drill nella scuola suburbana, chiacchierano amabilmente di come siano fantastici i rispettivi consorti che hanno tradito si accorgono che nella scuola c’è qualcuno: è Nicholas.
Il segretario della sicurezza nazionale cerca di bloccarli ma, contando come lo zero a sinistra, Lena e Wes entrano per salvare il piccolo ostaggio.
Così comincia un inseguimento nella scuola con i visori termici e dopo che Wes (genio!) allunga la mano fino a toccare Drill, e dopo essersi preso una scarica che lo sbalza a terra, si ritrovano tutti e tre nella palestra.
Ah, tanto per sospendere la tensione e prepararci al gran finale, passiamo velocemente a vedere un energumento, alto e con la barba lunga che gli divelle il sedile della macchina in cui è bloccato il piccolo Henry sofferente e quasi svenuto.
Lena e Minx, invece, hanno deciso di tornare in città, non si capisce bene perché, e vengono accompagnati a casa da un uomo anziano che si è offerto di accompagnarle, anche lui, così, per gentilezza, ma facendo tante domande.
Ed ora una serie di colpi di scena: Drill, torturando Nicholas, cerca di guadagnare la libertà. Il Segretario è propenso a far morire il piccolo Nicholas per salvare il mondo, Wes è propenso a salvare il bambino e salvare, dopo, il mondo. Il presidente riattacca la corrente e Drill se ne va. Wes ha una esplosione da superuomo gridando al cielo ma riferendosi a Drill: ”Tu non vincerai!”. E’ finita? No.
Mentre i paramendici si occupano di Nicholas e Minx e Lena sono tornare a casa sane e salve, anche Sean ed Henry tornano a casa. E’ Finita? No.
Sean parlando del gigante buono sentenzia: ”Questa è la dimostrazione che nel bisogno le persone si aiutano”. Sì, è vero, ma una controllatina a tuo figlio che è appena sopravvissuto ad un incidente non gliela vogliamo dare? Pare di no. E’ Finita? No.
Ultimo giro ultima corsa: Il segretario maltratta il presidente dicendogli che tutto quello che succederà d’ora in poi sarà colpa sua, e l’autista per caso si scopre essere alla ricerca di informazioni sui protagonisti della nostra storia. Finita? No.
Claire e Sean fanno finalmente sesso ma Lena muore fulminata da Drill, mentre vediamo Minx catatonica (come darle torto?) e Wes piange senza provare a fare un massaggio cardiaco che avrebbe potuto salvarla. E’ Finita? Sì.
E via ad attendere la seconda stagione sperando che sia migliore, e ci vorrà poco.

Edoardo Montanari

Punteggio Puntatona : 5.